Temporanea mancanza di lavoro? Interviene FSBA: ecco le istruzioni per fare domanda

(16/4/2018) Mancanza temporanea di lavoro: ecco come chiedere l'assegno ordinario e l'assegno di solidarietà al Fondo nazionale FSBA, che è pienamente operativo ed in Toscana ha già erogato ad oggi circa 3 milioni di euro.

Vademecum per le prestazioni FSBA in Toscana: in sintesi

1. Registrarsi sul sito nazionale di FSBA
Per fare domanda di FSBA occorre innanzitutto andare sul sito del Fondo e registrarsi:
https://areariservata.fondofsba.it/FSBAWeb

2. Compilare on line il verbale di accordo sindacale, che deve essere obbligatoriamente preventivo
Nell'area riservata del sito di FSBA si seleziona l'azienda interessata e, in Dettaglio Azienda, si clicca su Nuovo Accordo: il necessario verbale di accordo sindacale preventivo si compila infatti esclusivamente on line; non troverete modulistica prestampata per il verbale sul sito di FSBA. Inutile inoltre presentare verbali non preventivi o "retroattivi": essi non sono ammissibili e verranno respinti.
Una volta completato, il verbale va scaricato (è un pdf) e stampato.

3. Caricare il verbale datato e firmato e protocollare la domanda entro 30 giorni
Il verbale, una volta che è stato completato - cioè datato, timbrato e firmato (è obbligatoria la firma dell'azienda e di almeno un rappresentante sindacale), va scannerizzato integralmente in un unico pdf e caricato nella domanda sul sito di FSBA, il quale chiede conferma della data di firma con un pop-up. Perché la domanda sia valida occorre anche entrare in Dettaglio Domanda e protocollare la domanda, entro e non oltre 30 giorni di calendario rispetto al primo giorno di FSBA richiesto.

4. Rendicontare mensilmente le assenze FSBA entro 30 giorni
Per rendicontare (browser consigliato: CHROME) occorre entrare sulla pratica, nell'area riservata di FSBA, cliccare sul pulsante "Carica Assenze", caricare l'xml dell'Uniemens e cliccare su "Avvia Rendicontazione", utilizzando quindi la funzione calendario per dettagliare le ore di assenza di ciascun lavoratore in ogni giorno. Una volta finito, occorre cliccare su "Invia Rendicontazione". La rendicontazione è sempre obbligatoria, anche quando non vi sono state assenze; in quel caso si rendiconta a zero. La rendicontazione dev'essere presentata entro e non oltre i 30 giorni di calendario dopo la fine di ciascun mese.

5. Come si conteggiano le giornate FSBA? Conta l'utilizzato e non il richiesto, il contatore è aziendale
Nelle domande FSBA conta l'effettivo utilizzo e non quanto richiesto.
Il contatore è aziendale: nel caso ad esempio dell'assegno ordinario, le 65 giornate lavorative nel biennio mobile sono ad azienda, non a singolo lavoratore.

6. In FSBA è obbligatoria la ripresa dell'attività produttiva aziendale
Al termine di una domanda FSBA è obbligatorio caricare sulla pratica, nell'area riservata del sito di FSBA, il modulo "Dichiarazione di ripresa dell'attività produttiva". All'art. 15 il Regolamento FSBA dispone: "Al termine del periodo di fermata l'azienda dovrà procedere alla ripresa produttiva in mancanza della quale dovrà restituire le prestazioni erogate da FSBA al lavoratore".

7. In Toscana FSBA paga esclusivamente all'azienda
In Toscana FSBA eroga le proprie prestazioni attraverso bonifici bancari all'azienda, la quale è quindi tenuta a mettere le cifre ricevute nella prima busta paga utile dei lavoratori.
FSBA paga un bonifico distinto per ogni mese interessato dalla pratica.

8. Quanto paga FSBA?
Per le ore di assenza FSBA il Fondo nazionale paga l'80% della retribuzione che sarebbe spettata al lavoratore, entro il limite del massimale INPS mensile che è fissato in 982,40 euro per l'anno 2018 (da rapportare su base oraria).

Vademecum per le prestazioni FSBA in Toscana: nel dettaglio

Quale tipo di prestazione FSBA chiedere?
L'azienda artigiana iscritta all'EBRET che si trovasse alle prese con una temporanea mancanza di lavoro ha la possibilità di ricorrere al Fondo nazionale FSBA. Le possibilità sono due e sono alternative tra loro:
1. Assegno ordinario
Di fatto è l'evoluzione della Cig in deroga. L'azienda può sia sospendere del tutto che ridurre l'attività di una parte del personale, di tutti i dipendenti o anche di un solo lavoratore. Nel biennio mobile al massimo FSBA paga 65 giornate di lavoro perdute (che diventano 78 nel caso di aziende il cui orario lavorativo è di 6 giorni alla settimana).
2. Assegno di solidarietà
E' in pratica l'evoluzione del contratto di solidarietà. La domanda in questo caso ha una durata minima di 3 mesi ed è possibile ridurre l'orario di lavoro di tutti i dipendenti in forza o, nelle aziende più grandi, di un intero reparto. Come stabilito dalla delibera dell'8 giugno 2017 che ha modificato il Regolamento FSBA, la riduzione media oraria non potrà essere superiore al 60% dell'orario giornaliero, settimanale o mensile dei lavoratori interessati. Per ciascun lavoratore la percentuale di riduzione complessiva dell'orario di lavoro non può essere superiore al 70% nell'arco dell'intero periodo per il quale l'accordo di solidarietà è stipulato. Nel biennio mobile FSBA paga al massimo 130 giornate di effettivo utilizzo (che diventano 156 per aziende con orario di lavoro settimanale distribuito su 6 giorni).
Alternatività. L'assegno ordinario e l'assegno di solidarietà sono alternativi tra loro: una volta chiesto un tipo di prestazione, si resta vincolati ad esso per l'intero biennio mobile. Se tale strumento si esaurisce, nel biennio mobile non ne esiste purtroppo un altro.

Cos'è il biennio mobile?
E' un periodo di due anni "personalizzato" per ogni azienda, perché scatta a partire dalla prima richiesta di FSBA della singola azienda. A termini di Regolamento FSBA, il biennio mobile "va calcolato dal giorno di effettiva fruizione della prestazione".

La prima cosa da fare: registrarsi sul sito nazionale di FSBA
Per fare domanda di FSBA occorre innanzitutto andare sul sito del Fondo e registrarsi:
https://areariservata.fondofsba.it/FSBAWeb
Per ottenere le credenziali occorre cliccare su "Non sei ancora registrato? Clicca QUI".
Di solito a registrarsi sono gli Studi professionali o le Associazioni di categoria, ma possono farlo direttamente anche le aziende.
Nel caso di Studi o Associazioni, una volta inseriti nome utente e password si accede all'area riservata di FSBA e si consulta l'elenco delle proprie aziende. Se l'azienda che ci serve non è presente in tale elenco, è possibile associarla al proprio nominativo con il tasto "Associa Nuova Azienda".

La seconda cosa da fare: compilare on line il verbale di accordo sindacale preventivo
Nell'area riservata del sito di FSBA si trova l'azienda interessata e, in Dettaglio Azienda, si clicca su Nuovo Accordo: il necessario verbale di accordo sindacale preventivo si compila infatti esclusivamente on line, non troverete modulistica prestampata sul sito di FSBA.
Una volta compilato on line il verbale in tutte le sue parti, lo si deve scaricare (in pdf) e stampare.
A questo punto il verbale dev'essere timbrato e firmato dal legale rappresentante dell'azienda e da almeno un rappresentante sindacale (CGIL o CISL o UIL). L'azienda può essere assistita da rappresentanza artigiana (CNA, CONFARTIGIANATO o CASARTIGIANI), che in tal caso sottoscrive anch'essa l'accordo. Sul verbale deve inoltre essere indicata la data di firma del verbale stesso; tale data dev'essere obbligatoriamente preventiva rispetto al primo giorno di sospensione richiesto. Esempio: se si chiede l'intervento FSBA a partire dal 4 aprile 2018, il verbale dovrà essere firmato al massimo il 3 aprile 2018.
Verbali di accordo sindacale con data di firma non preventiva non sono ammissibili né sanabili.
Una volta che il verbale di accordo sindacale è timbrato, firmato e datato, occorre scannerizzarlo in un unico pdf e caricarlo prima possibile nella domanda sul sito di FSBA. Quando si va a fare l'upload del verbale, il sito chiede con un'apposita finestra (un pop-up) quale è stata la data di firma del verbale: occorre ovviamente indicare la stessa data preventiva che è stata indicata sul verbale cartaceo.
Una volta caricato correttamente il pdf del verbale, affinché la domanda sia valida occorre entrare in Dettaglio Domanda e protocollare la domanda.
Il termine ultimo per caricare il pdf del verbale e protocollare la domanda sul sito di FSBA è 30 giorni di calendario rispetto al primo giorno di sospensione richiesto. Si invita però ad effettuare tale protocollazione il prima possibile, in modo da poter eventualmente intervenire per sanare validamente possibili anomalie formali che si dovessero registrare nella domanda. L'esame delle domande da parte dell'EBRET procede in rigoroso ordine di protocollo.

Alcune particolarità del verbale on line
Compilando il verbale on line, il sito di FSBA non consente di inserire la data di firma preventiva: quando si compila il verbale on line, il sito di FSBA non consente di indicare la data di firma del verbale stesso. Tale data andrà riportata sul verbale cartaceo e quindi successivamente sul sito di FSBA al momento del caricamento del pdf completo del verbale. Si tratta di un dato fondamentale.
Iban ed email dei singoli lavoratori: in Toscana FSBA paga le prestazioni all'azienda, la quale poi è tenuta ad inserire gli importi spettanti ai lavoratori nella prima busta paga utile. Ciò nonostante, il sito di FSBA richiede obbligatoriamente l'Iban dei lavoratori (nel caso che, in deroga al modello generale, si dovesse eccezionalmente autorizzare il pagamento diretto al lavoratore) ed il loro indirizzo email (per comunicare anche al lavoratore l'avvenuto pagamento della prestazione).
Orario settimanale: dev'essere indicato il normale orario contrattuale dei lavoratori.

Come si conteggiano le giornate FSBA? Conta l'utilizzato e non il richiesto, il contatore è aziendale
Nelle domande FSBA conta l'effettivo utilizzo e non quanto richiesto: se si richiedono 30 giorni e se ne utilizzano solo 10, la pratica "vale" 10.
Il contatore è aziendale: nel caso ad esempio dell'assegno ordinario, le 65 giornate lavorative nel biennio mobile sono ad azienda, non a singolo lavoratore. Esempio: se la signora Marta sta a casa lunedì ed il signor Luigi sta a casa martedì si sono spesi due giorni dei 65 a nostra disposizione; se Marta e Luigi stanno entrambi a casa lo stesso lunedì, si è speso un giorno solo.

Come rendicontare le ore di effettiva assenza
Per rendicontare (browser consigliato: CHROME) occorre entrare sulla pratica, nell'area riservata di FSBA, cliccare sul pulsante "Carica Assenze", caricare l'xml dell'Uniemens e cliccare su "Avvia Rendicontazione", utilizzando quindi la funzione calendario per dettagliare le ore di assenza di ciascun lavoratore in ogni giorno. Una volta finito, occorre cliccare su "Invia Rendicontazione".
Il sistema non dà ricevuta per la rendicontazione: quando si inseriscono le ore esse sono di colore giallo, mentre dopo aver cliccato su "Invia Rendicontazione" le ore devono diventare di colore verde. Se invece vi sono ore di colore rosso la rendicontazione non è valida e vi consigliamo di correggere la rendicontazione o di contattare l'EBRET.
La rendicontazione è sempre obbligatoria, anche nel caso che non vi sia stata alcuna sospensione dal lavoro. Nel caso non vi sia stata sospensione per tutta una mensilità, occorre rendicontare a zero cliccando sul pulsante "No Sospensione" per ogni lavoratore.
Il termine ultimo per rendicontare è di 30 giorni di calendario dalla fine di ciascun mese. Una pratica con assenze nel mese di aprile, ad esempio, deve essere rendicontata entro e non oltre il 30 maggio. Rendicontare prima possibile consente di velocizzare i pagamenti da parte di FSBA.

E' possibile rendicontare anche le mezz'ore di assenza?
Sì, ma facendo attenzione al fatto che la rendicontazione è espressa in ore e minuti: per indicare ad esempio un'assenza di 3 ore e mezzo, quindi, occorrerà rendicontare 3:30 (e non 3:50, perché il sito di FSBA non ragiona in centesimi o in percentuale).

E' sufficiente caricare l'xml dell'Uniemens per rendicontare le assenze?
No. E' necessario anche cliccare su "Avvia Rendicontazione", dettagliare le assenze e quindi cliccare su "Invia Rendicontazione". Se non vi sono state assenze, cliccare su "No Sospensione".

E' sufficiente caricare il verbale di accordo sindacale preventivo per avere una pratica FSBA valida?
No. E' obbligatorio anche andare in "Dettaglio Domanda" e protocollare la domanda entro e non oltre i 30 giorni di calendario dal primo giorno di FSBA richiesto. Solo così si ottiene una domanda valida a tutti gli effetti.
Insieme al verbale è raccomandato (ma attualmente facoltativo, secondo le istruzioni di FSBA) l'upload del lul relativo al mese precedente l'inizio della domanda di FSBA; l'upload del lul va effettuato prima di protocollare la domanda.

Posso stipulare un verbale di accordo sindacale non preventivo?
No. Verbali di accordo sindacale con data di firma non preventiva o mancante non sono ammissibili né sanabili e portano all'inevitabile respinta della domanda FSBA.

Modulistica: dove trovo il verbale?
Il modulo non c'è. Il necessario verbale di accordo sindacale preventivo si compila esclusivamente on line, dopodiché diviene un pdf da scaricare e stampare.

Durata massima e minima delle domande FSBA
La domanda di assegno ordinario non prevede durata minima né durata massima; si raccomanda però di non presentare domande di assegno ordinario che vadano oltre i 3 mesi. E' comunque consigliabile presentare domande che abbiano una durata limitata e coerente con l'effettiva necessità che è prevedibile al momento della presentazione della domanda FSBA.
La domanda di assegno di solidarietà prevede una durata minima di 3 mesi.

Posso chiedere la proroga della mia domanda FSBA?
No. Nel caso di una prolungata necessità di intervento FSBA occorre semplicemente presentare una domanda del tutto nuova, col suo nuovo verbale di accordo e tutte le normali specifiche richieste per qualsiasi domanda FSBA.

Una domanda FSBA è valida in presenza di versamenti EBNA non regolari?
Sì, è possibile presentare validamente domanda di FSBA anche in presenza di versamenti EBNA non regolari. L'erogazione della prestazione FSBA non sarà però possibile finché l'azienda non avrà ripristinato in toto la propria regolarità contributiva EBNA; tale regolarità è richiesta per i versamenti dal gennaio 2016 compreso ad oggi. Per avere diritto alla prestazione FSBA, inoltre, il lavoratore richiedente dovrà presentare un'anzianità aziendale di almeno 90 giorni.

C'è un obbligo o un divieto di anticipo della prestazione FSBA da parte dell'azienda?
No. Il Regolamento di FSBA non affronta in alcun modo questa tematica, che quindi è lasciata totalmente all'eventuale accordo delle parti.

Che iter seguono le pratiche FSBA in Toscana?
Ad esaminare le pratiche FSBA "toscane" è l'EBRET, che può legittimamente esaminare soltanto le pratiche che siano state regolarmente protocollate. L'EBRET verifica anche la regolarità contributiva EBNA dell'azienda richiedente e chiede eventuali sanatorie. Le comunicazioni da parte dell'EBRET riguardo alle pratiche FSBA avvengono per posta elettronica certificata (PEC). La pec dell'EBRET è Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. L'EBRET autorizza le pratiche corrette e predispone i relativi ordini di pagamento. Ad effettuare i pagamenti è invece una volta al mese direttamente il Fondo nazionale FSBA, che si occupa anche di inviare le comunicazioni contenenti i dettagli di quanto spetta a ciascun dipendente avente diritto.

L'azienda ha ricevuto il bonifico da FSBA ma non ancora la comunicazione con i dettagli?
E' possibile, perché FSBA invia le comunicazioni per pec in media 15 giorni dopo rispetto a quando effettua il bonifico; questo perché prima FSBA attende di avere le conferme dalle varie banche che i bonifici siano effettivamente andati a buon fine.
I prospetti relativi ai pagamenti si trovano a quel punto anche dentro la pratica sul sito di FSBA, cliccando su "Gestione Pagamenti" dentro "Dettaglio Domanda".

Nei prospetti dei bonifici FSBA in Toscana conta soltanto la colonna "Importo Lordo"
In Toscana FSBA paga esclusivamente all'azienda. Il bonifico FSBA ricevuto dall'azienda contiene l'importo lordo di quanto spettante nel mese a ciascun dipendente. L'azienda è tenuta ad inserire tale importo lordo nella prima busta paga utile del lavoratore, assoggettandolo a ritenuta fiscale.
Perciò in Toscana le colonne "Irpef 23%" e "importo netto" non vanno considerate.

Come pagare i contributi INPS sulle prestazioni FSBA?
Al momento non lo si può ancora fare, anche se è previsto un adempimento specifico chiamato "contribuzione correlata". Mancano però ancora le necessarie istruzioni INPS.

Quale codice occorre indicare sull'Uniemens per l'assenza FSBA?
Al momento purtroppo l'INPS non ha fornito un codice apposito per definire l'assenza FSBA in Uniemens. Non va utilizzato il codice della CIG in deroga, che non ha niente a che fare con le prestazioni FSBA.

Quanto paga FSBA?
FSBA paga l'80% della retribuzione che sarebbe spettata per le ore non prestate comprese nei periodi segnalati dall'accordo sindacale nei limiti stabiliti dagli artt. 30 e 31 del D.Lgs. 148/2015, entro il limite di importo massimo mensile di € 982,40 (anno 2018, da rapportare su base oraria).

Quali sono le tempistiche di pagamento di FSBA?
Ad oggi i tempi sono piuttosto rapidi. Facciamo l'esempio di una pratica FSBA corretta e presentata da un'azienda con versamenti EBNA in regola: vi sono assenze FSBA durante il mese di aprile, vengono rendicontate nei tempi previsti a maggio, l'EBRET approva la rendicontazione entro la fine di maggio, il bonifico di FSBA arriva all'azienda entro metà giugno.

Modulo di ripresa dell'attività produttiva
Nelle pratiche FSBA è obbligatorio che vi sia la ripresa dell'attività produttiva aziendale. Tale ripresa dev'essere autocertificata caricando sulla pratica, nell'area riservata del sito di FSBA, il modulo "Dichiarazione di ripresa dell'attività produttiva".
Il modulo è reperibile nella sezione modulistica del sito www.fondofsba.it.
All'art. 15 il Regolamento FSBA dispone: "Al termine del periodo di fermata l'azienda dovrà procedere alla ripresa produttiva in mancanza della quale dovrà restituire le prestazioni erogate da FSBA al lavoratore".

L'azienda ha più domande FSBA in successione, su quale deve caricare il modulo di ripresa?
Nel caso di due o più pratiche FSBA "contigue", il modulo di ripresa dell'attività produttiva va caricato solamente sull'ultima pratica, quella più recente.

Domande FSBA poste in revisione
Le domande FSBA con problemi relativi alla documentazione presentata o all'orario lavorativo indicato nella domanda on line vengono poste "in revisione" dall'EBRET.
In seguito a ciò, l'utente riceve da FSBA una pec che segnala l'esistenza di una pratica in revisione e che dettaglia ciò che viene richiesto.
L'utente in questo caso deve obbligatoriamente ottemperare a quanto chiesto nella revisione e, una volta fatto ciò, deve entrare in "Dettaglio Domanda" e cliccare su "Conferma Revisione".

Come vanno utilizzati gli strumenti contrattuali prima della sospensione/riduzione di orario?
Ai sensi dell'art. 14 del Regolamento FSBA, all'atto della presentazione della domanda di prestazione i lavoratori devono aver usufruito di tutti i periodi residui dei vari strumenti contrattuali (ad esempio ROL, flessibilità, banca ore), mentre per quanto concerne le ferie residue il periodo conteggiato relativo all'anno precedente fa riferimento all'anno solare; in una domanda FSBA del 2018, cioè, occorre che siano state già esaurite le ferie maturate al 31 dicembre 2017.

Cosa fare nei casi di aziende nuove, con cambi di denominazione o di indirizzo, dati errati o incompleti, cessazione o inserimento di lavoratori?
In tutti questi casi è necessario contattare per pec l'EBRET, richiedendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. inserimenti, cessazioni, modifiche anagrafiche o quant'altro.

***

Riferimenti utili
Regolamento FSBA
Delibera 8 giugno 2017 sull'Assegno di Solidarietà
Sezione FAQ - Domande e risposte di FSBA
Guida Portale Fondo FSBA
Modulistica FSBA
Modulo ripresa attività produttiva
Modulo di delega FSBA
Sito ufficiale FSBA

CONTATTI
Per l'esame delle pratiche FSBA e dei versamenti EBNA:
EBRET - ENTE BILATERALE DELL'ARTIGIANATO TOSCANO
Via del Ponte di Mezzo 56 - 50127 Firenze
Tel. 055.355719
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per le prestazioni di FSBA e per assistenza tecnica sul portale di FSBA:
FSBA - FONDO DI SOLIDARIETA' BILATERALE PER L'ARTIGIANATO
Via Santa Croce in Gerusalemme, 63 III Piano Int.5 - 00185 Roma
Tel: 06.77205055
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

***

DISCLAIMER
Le indicazioni pratiche riportate in queste pagine non costituiscono in alcun modo un manuale ufficiale FSBA, sono redatte a cura dell'EBRET, sono un mero supporto operativo volto ad agevolare l'operatività degli utenti e potrebbero cambiare in qualsiasi momento. Il Fondo nazionale FSBA è l'unico soggetto a detenere la titolarità per determinare ed interpretare le proprie regole e le proprie procedure.