Novità importanti in materia di FSBA

(10/9/2020) Il Fondo nazionale FSBA ha aggiornato in data odierna le procedure Covid-19, invitiamo tutti gli utenti a prenderne attentamente visione. Queste sono le novità più rilevanti:

1) c'è tempo solo fino al 30 settembre 2020 per presentare domanda FSBA nel caso di domande di Cig in deroga respinte, relative al periodo 23 febbraio/31 agosto 2020;

2) chi ha terminato le prime 18 settimane già prima della data del 12 di luglio può fare domanda di assegno ordinario FSBA per i giorni non pagabili come Covid-19 e compresi tra il 30 giugno ed il 12 luglio 2020; tale domanda, da presentare previo utilizzo delle ferie e/o dei permessi maturati, può essere protocollata in SINAWEB entro il 30 ottobre 2020; la procedura sarà disponibile in SINAWEB nei prossimi giorni;

3) le aziende che nei mesi del lockdown si fossero avvalse della sospensione dei versamenti EBNA, devono effettuare tali versamenti EBNA "mancanti" nel modello F24 in scadenza il 16 settembre 2020, indicando un rigo distinto per ogni mese; è inoltre sempre obbligatorio compilare e trasmettere all'INPS gli Uniemens con codice EBNA.

E' in fase di implementazione anche la procedura relativa alle seconde 9 settimane relative al periodo post-12 luglio ed è atteso per la prossima settimana l'arrivo delle risorse stanziate dal Decreto Agosto, con le quali sarà possibile per FSBA riprendere i pagamenti relativi alle prime 18 settimane di cassa integrazione Covid-19.

Vediamo nel dettaglio i tre punti di cui sopra.

1) Dalle Procedure FSBA: "Le aziende che hanno erroneamente presentato domande di Cig in deroga alle Regioni, che ad oggi sono state rigettate, possono presentare domanda di sostegno al reddito a FSBA relativamente al periodo 23 febbraio - 31 agosto 2020, entro il 30 settembre 2020, accettando l’autodichiarazione proposta dal sistema e caricando il documento attestante il rifiuto della domanda da parte della Regione/Inps".

**

2) Dalla delibera FSBA/10 del 09/09/2020: "I datori di lavoro che hanno sospeso o ridotto l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica e che a partire dal 30 giugno 2020 hanno già esaurito le 18 settimane di integrazione salariale con la causale di intervento Covid-19, possono presentare domanda di concessione del trattamento di assegno ordinario di cui all’art. 4 del Regolamento FSBA approvato il 30 aprile 2019, previo utilizzo delle ferie e/o dei permessi maturati.

Il trattamento di assegno ordinario può essere erogato con decorrenza 30 giugno e fino al 12 luglio, giorno precedente all’avvio del periodo di integrazione salariare, con causale di intervento COVID19, di cui al DL. 14/08/2020 n° 104.

La richiesta di concessione del trattamento va presentata entro il 30 ottobre 2020.

**

3) Dalle delibere EBNA/3 e FSBA/9 del 09/09/2020: "Le aziende che si siano avvalse della sospensione dei versamenti sono comunque tenute a compilare e trasmettere la denuncia Uniemens, anche con riferimento ai mesi di paga eventualmente rientranti nei periodi di sospensione, nel rispetto delle ordinarie tempistiche e modalità, valorizzando come di consueto nell’elemento <Conv> (in DatiRetributivi/DatiParticolari/ConvBilat) il codice EBNA, con il relativo importo contributivo e il mese di competenza.

Per i mesi oggetto di sospensione, per i quali siano stati eventualmente sospesi i versamenti non esponendo il codice causale contributo EBNA nella sezione INPS del modello F24, il versamento dei contributi sospesi deve essere effettuato come segue.

Nel modello F24 in scadenza 16/09/2020, oltre alla contribuzione corrente, deve essere esposta la contribuzione oggetto di sospensione con le seguenti modalità:
• Causale contributo: EBNA
• Periodo di riferimento: mese e anno di competenza dei contributi oggetto di sospensione dei versamenti (es. 02/2020, 03/2020)
• Importo dei contributi sospesi relativi al periodo (ora oggetto di restituzione)
Si precisa che, qualora la sospensione abbia riguardato la contribuzione relativa a più periodi, devono essere compilati più righi del modello F24.
Si ricorda in proposito che, nel rispetto delle condizioni previste dalle diverse e più ricorrenti ipotesi di legge, la sospensione dei versamenti dei contributi dovuti a FSBA può avere riguardato una o più delle seguenti mensilità: contributi di competenza febbraio 2020 (scadenza di versamento marzo 2020), contributi di competenza marzo 2020 (scadenza di versamento aprile 2020) e contributi di competenza aprile 2020 (scadenza di versamento maggio 2020).
Restano ferme, con riferimento alla diversa e specifica casistica dei datori di lavoro non regolari, inquadrati per i profili previdenziali nel settore dell’artigianato, le modalità e le tempistiche di regolarizzazione, come disciplinati da delibera FSBA n. 3/2020 del 8 aprile 2020."