Ai lavoratori in FSBA mancano i contributi pensionistici? Ecco cosa fare

(2/3/2022) Continuano ad essere molte le mensilità in cui FSBA ha pagato la cassa integrazione alle aziende ma non ha potuto invece pagare all’INPS i contributi pensionistici.
Questo problema, quasi sempre dovuto ad anomalie da correggere negli Uniemens, incide sul diritto alla pensione ed alla Naspi.
Consigliamo dunque ai consulenti di controllare in SINAWEB la sezione Correlata di tutte le pratiche FSBA. Se la sezione non è tutta di colore verde, dovete confrontare gli Uniemens con le rendicontazioni di SINAWEB: all'interno degli Uniemens ci devono essere il TICKET INPS GIUSTO relativo a quella specifica pratica FSBA, il codice evento AOA, le ORE di cassa integrazione giuste nei giorni giusti per i dipendenti giusti, esattamente come sono rendicontate in SINAWEB; trovate le discrepanze, dovete correggere e rimandare all'INPS gli Uniemens. Segnaliamo un'anomalia comune: le festività nazionali negli Uniemens non devono avere ticket INPS e codice evento AOA, perché restano a carico dell'azienda. Per il confronto degli Uniemens, il controllo non deve essere effettuato sulle ricevute di rendicontazione scaricate in pdf da SINAWEB. Dovete invece entrare nel calendario di rendicontazione di ogni singolo mese in SINAWEB: è ciò che c’è oggi nel calendario di SINAWEB che è stato pagato da FSBA e dunque autorizzato ed inviato all’INPS.
L'INPS, se non vengono trovate e risolte le anomalie, non è in grado di fare i calcoli di quanto “costa” la correlata. Ciò impedisce a FSBA di pagare all’INPS i contributi pensionistici. Trovare e risolvere le anomalie sblocca la situazione ed è l'unica soluzione possibile.

esempio3
Forniamo di seguito indicazioni più dettagliate (fare click sul pulsante LEGGI TUTTO).

1) Invitiamo i consulenti ad entrare in SINAWEB, nel dettaglio di ogni domanda FSBA delle aziende assistite, e cliccare sul pulsante Correlata.
2) In basso a sinistra trovate l’elenco delle mensilità "gestite". Se una o più mensilità sono di colore viola, significa che nella pratica vi sono anomalie da risolvere. L’INPS purtroppo ad oggi non indica esattamente qual è l’anomalia bloccante. Vi preghiamo quindi di confrontare gli Uniemens dei mesi “viola” con le rendicontazioni di SINAWEB, sapendo che fa fede al 100% quanto indicato in SINAWEB: all'interno degli Uniemens che a suo tempo furono inviati all’INPS ci devono essere il TICKET INPS GIUSTO relativo a quella singola pratica FSBA, il codice evento AOA, le ORE di cassa integrazione giuste nei giorni giusti per i dipendenti giusti, esattamente come sono rendicontate in SINAWEB; trovate le discrepanze, dovete correggere e rimandare all'INPS gli Uniemens. Tenete presente che il 2020 è definitivamente chiuso, la rendicontazione finale è già in possesso del Ministero. Le rendicontazioni del 2020 non si possono dunque più correggere. Occorre invece correggere gli Uniemens e rimandarli all’INPS, in modo che rispecchino quanto validamente rendicontato in SINAWEB. E’ quanto è stato indicato in SINAWEB che è stato autorizzato, ormai in via definitiva. Se invece l’azienda ha ricevuto da FSBA più del dovuto, scrivete ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. col dettaglio degli errori e forniremo la procedura per rimborsare FSBA.
3) Se non trovate anomalie nei mesi "viola", occorre verificare gli altri Uniemens, quelli dei mesi “verdi”. E' emerso che spesso le anomalie sono relative ad altre mensilità (anche se quei mesi sono verdi in SINAWEB) e vanno a “ricadere a cascata” su altri mesi che sono stati pagati all’interno della pratica FSBA, che risultano così “viola” e non gestiti. Una volta che avrete individuato le discrepanze, dovete correggere e rimandare all'INPS gli Uniemens.
4) Nella sezione Correlata, la scritta "Nessun errore riscontrato” non significa affatto che non vi siano anomalie da sistemare, tanto che la stessa scritta è sempre accompagnata dalla nota tra parentesi “Verificare eventuali anomalie sugli UNIEMENS". Al posto di questa scritta potreste invece trovare un pulsante Correggi: in tal caso occorrerà cliccare su tale pulsante per correggere un ticket INPS errato oppure dei dati anagrafici errati dei lavoratori. E’ quando appunto il pulsante Correggi non c’è che appare la scritta “Nessun errore riscontrato”: essa significa dunque soltanto che in quella pratica FSBA c’è un ticket INPS formalmente valido e non sono stati riscontrati errori sui dati anagrafici dei dipendenti
5) Eccezione: è normale che i mesi più recenti siano “viola” in SINAWEB. Dal giorno in cui FSBA paga all’azienda una mensilità di cassa integrazione, la correlata torna “verde” in SINAWEB mediamente 60 giorni dopo. Ciò a causa dei normali tempi tecnici di lavorazione di INPS e FSBA.
6) Come già specificato, una volta trovata la discrepanza tra Uniemens e rendicontazione di SINAWEB, dovete correggere l’Uniemens e rimandarlo all’INPS. Questo sbloccherà la situazione, consentendo all’INPS di calcolare il dovuto ed a FSBA di pagarlo. L’effetto della correzione non è immediatamente visibile in SINAWEB: dal giorno in cui correggete l’anomalia rimandando all’INPS gli Uniemens, mediamente occorre attendere 60 giorni prima che la mensilità diventi “verde” in SINAWEB. Da quando la mensilità è divenuta “verde” nella sezione Correlata in SINAWEB, mediamente entro altri 30 giorni le relative settimane risulteranno all’INPS coperte da contributi pensionistici.
7) Controllate gli Uniemens di tutti i lavoratori: sottolineiamo che è sufficiente un'anomalia in un solo giorno di un solo lavoratore per bloccare il pagamento della contribuzione correlata per tutto il mese per tutta l'azienda. Non limitatevi dunque a verificare gli Uniemens di uno solo dei lavoratori dell’azienda e non limitatevi a controllare soltanto i numeri totali delle ore di cassa integrazione: la verifica dev'essere capillare.
8) Anomalie comuni negli Uniemens: il problema più frequente è dato dalle festività nazionali, che restano a carico dell’azienda. Le festività negli Uniemens non devono avere ticket INPS e codice evento AOA: se per errore ce l’hanno, occorre correggere e rimandare all’INPS gli Uniemens. Altre problematiche frequenti: a un lavoratore sono state indicate 8 ore di cassa integrazione il giovedì, invece erano di venerdì; a un lavoratore sono state indicate 7 ore di cassa il martedì, invece erano 6; sono state indicate frazioni di ore in modo errato, ad esempio rendicontando in SINAWEB 00:50 (cioè 50 minuti) invece che 00:30 (30 minuti); il ticket INPS era già stato utilizzato per una domanda FSBA precedente, cosa vietata perché ogni protocollo FSBA deve avere il proprio ticket INPS specifico.
9) Se dopo aver effettuato tutti i possibili controlli non avete riscontrato alcuna anomalia, segnalatecelo scrivendo ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  e specificando nel dettaglio quali specifici controlli avete effettuatoA quel punto faremo una segnalazione al Fondo nazionale FSBA, unico soggetto che insieme all’INPS abbia competenza in materia di contribuzione correlata. L’EBRET aiuta volentieri a risolvere i problemi ma all’EBRET non sono state assegnate competenze sulla correlata, dunque ci è impossibile rispondere nel dettaglio delle singole problematiche. La segnalazione al nazionale è tesa a verificare/correggere un’eventuale problema di trasmissione dati da FSBA ad INPS, eventualità peraltro piuttosto rara.

Come funziona la contribuzione correlata?
La materia è disciplinata dalla Circolare INPS n. 53/2019.
Quando paga all’azienda una mensilità di cassa integrazione, FSBA invia i dati di quei pagamenti all’INPS nazionale. L’INPS incrocia quei dati di FSBA con i dati che all’INPS mensilmente arrivano dagli Uniemens.
Se nel confronto la rispondenza dei dati è perfetta, l’INPS calcola il dovuto della contribuzione correlata ed invia l’F24 di pagamento a FSBA; FSBA paga una volta al mese tali F24 per tutta Italia; torna la copertura pensionistica. Che tra l’altro è piena, perché i contributi sono reali e non figurativi.
Se invece i dati degli Uniemens non combaciano alla perfezione con i dati dei pagamenti FSBA (cioè con le rendicontazioni di SINAWEB), il gestionale nazionale INPS si blocca ed impedisce il calcolo della correlata.
Diviene così impossibile per FSBA pagare la contribuzione correlata.
Per rendere possibili i conteggi dell’INPS ed i pagamenti di FSBA occorre dunque correggere gli Uniemens in modo che vadano a combaciare alla perfezione con i dati presenti in SINAWEB.
Sottolineiamo che il pagamento della contribuzione correlata è possibile esclusivamente per le mensilità di cassa integrazione che siano state già liquidate da FSBA.
Il mancato pagamento della contribuzione correlata è sempre causato da un'anomalia e non è mai motivato da un problema di risorse: ogni volta che FSBA paga la cassa integrazione, in automatico accantona sempre, senza eccezioni, quanto prevede di dover versare all'INPS.

Cliccando su questo link potete scaricare il pdf integrale relativo all'articolo pubblicato in questa pagina